Secondo un giornale locale il Comune promuove un "maxi-condono". Le parole sono importanti... ma i giornalisti lo sanno?

Lo ammetto con profondo rammarico, sono sconcertato dalla disinvoltura del titolo e del contenuto di un articolo articolo apparso oggi sulla stampa locale, che riferiva di un presunto "maxi-condono" concesso dal Comune di Pizzo, che avrebbe così rinunciato a incassare crediti già vantati.
Parlare in questi termini  non è soltanto fuorviante, è soprattutto profondamente lesivo dell’immagine dell’Amministrazione in carica. Innanzitutto, nessun Comune può condonare alcunché, meno che mai tributi dovuti dai cittadini in base alle norme in vigore. Quindi a Pizzo non è in atto alcuna sanatoria fiscale, che, d’altronde, non avremmo mai promosso anche se ce ne fosse stata la (assurda) possibilità. Chi è in debito con il Comune, e indirettamente con l’intera comunità napitina, continuerà ad esserlo e da parte nostra continueremo a operare affinché chi sino ad oggi ha eluso gli obblighi tributari paghi quanto deve. Punto.
Se poi per “maxi-condono” si intende la volontà dell’attuale Amministrazione di ripulire i bilanci da presunte entrate che mai sarebbero arrivate, cioè i cosiddetti “residui attivi”, bisognerebbe spiegare per bene ai propri lettori di cosa si tratta, senza frasi a effetto e speculazioni di facile acchito, soprattutto in un momento storico come quello attuale che vede l’antipolitica dominare la scena. I residui attivi (come molti sanno e a maggior ragione dovrebbero saperlo i giornalisti) sono voci in entrata che in alcuni casi vengono utilizzate per raggiungere un pareggio di bilancio soltanto formale (o virtuale, se si preferisce il termine).

Ad esempio: il Comune X “prevede”, e iscrive nel proprio bilancio, di incassare dalle contravvenzioni elevate nell’anno successivo una cifra Y, che però è ampiamente sovrastimata e non corrisponde ad una previsione veritiera. In pratica, la cifra Y non entrerà mai per intero nelle casse del Comune, ma serve soltanto per perpetrare un artifizio aritmetico, per raggiungere cioè il pareggio numerico tra entrate e uscite nei documenti contabili. Ebbene, già dalla campagna elettorale, abbiamo rifiutato nel nostro programma questo approccio falsato ai conti del Comune e ci siamo impegnati a ripulire il bilancio dalle voci fasulle. Cosa che stiamo facendo, con grande coraggio e senso di responsabilità, perché sarebbe molto più facile continuare a gonfiare gli atti contabili con entrate inesistenti.
Il risultato in termini d’opinione pubblica? Vedersi additati sulla stampa locale come un Comune che “condona”, anzi “maxi-condona” gli evasori fiscali. Incredibile.
In Palombella Rossa, film cult di Nanni Moretti, ad un certo punto il protagonista gridava alla sua interlocutrice: “Ma come parla? Le parole sono importantiiiiiiii”.
Appunto... le parole sono importanti, usiamole bene...


Commenti

Post popolari in questo blog

Nuovi orari di apertura al pubblico degli uffici comunali di Pizzo per rendere più efficiente e celere la risposta dell'ente ai cittadini

Carta d'identità elettronica, già operativo il rilascio per i cittadini di Pizzo che ne faranno richiesta

Ecco la mappa delle aree di sosta e le nuove tariffe per parcheggiare nelle strisce blu. Esentati i residenti del centro