Personale, il Comune di Pizzo incrementa la forza lavoro grazie all'impiego di lavoratori in cassa integrazione o mobilità

Il Comune di Pizzo incrementa la forza lavoro dell’ente grazie a una convenzione stipulata con l’Amministrazione provinciale di Vibo Valentia, che consente di impiegare lavoratori in mobilità o in cassa integrazione da destinare all’ordinaria attività amministrativa.
È quanto comunica l’assessore comunale al Personale Giacinto Maglia, che rende nota l’operatività dell’accordo e il contestuale trasferimento a tempo determinato nell’organico di Palazzo San Giorgio di cinque lavoratori vibonesi rimasti senza occupazione a causa di crisi aziendali.
Selezionati dal Centro per l’impiego, in base a criteri oggettivi relativi ai curricula, all’anzianità e ai carichi familiari, i lavoratori in questione (tre amministrativi e due operai) continueranno a percepire l’indennità di disoccupazione, incrementata da un contributo integrativo fruito proprio in virtù della loro disponibilità a essere impiegati in attività lavorative temporanee. In particolare, i compiti assegnati riguardano mansioni d’ufficio di supporto al personale già in organico, nonché, per i due operai, attività  di manutenzione del patrimonio comunale.
A seguire l’iter che ha condotto alla stipula della convenzione e all’assegnazione di queste nuove unità lavorative al Comune di Pizzo, è stato il consigliere delegato Franco Procopio.
Soddisfazione è stata espressa dal sindaco Gianluca Callipo, che ha sottolineato i vantaggi reciproci che questo provvedimento comporta.

«Da una parte viene data all’Ente la possibilità di incrementare le risorse umane senza appesantire i propri bilanci - ha spiegato il primo cittadino - e dall’altra si consente a chi fruisce degli ammortizzatori sociali di continuare comunque a lavorare, aumentando leggermente il proprio reddito in un frangente occupazionale molto critico, qual è quello rappresentato dalla cassa integrazione o dalla mobilità».
Sulla stessa lunghezza d’onda l’assessore Maglia, che ha sottolineato le carenze d’organico patite dal Comune. «In questi ultimi anni - ha affermato Maglia - il Comune di Pizzo ha registrato un vero e proprio esodo di lavoratori, a causa di numerosi pensionamenti e trasferimenti, passando da 64 dipendenti ai 40 di oggi. Questa convenzione ci consente di migliorare la situazione complessiva, ma in futuro, appena le normative in materia e le risorse finanziarie lo consentiranno, dovremo rimodulare la pianta organica, adeguandola alle reali esigenze dell’Amministrazione, soprattutto con riferimento ai settori che riguardano la polizia municipale, l’ufficio tecnico e la gestione dei sistemi informatici».

Commenti

Post popolari in questo blog

Scuola, promosso a Pizzo un progetto di educazione allo sport che coinvolge gli alunnni di tutte classi sino alla quinta elementare

I dirigenti di Poste italiane incontrano Callipo e assicurano: «Basti ritardi nella consegna, ora le cose funzioneranno». Primi risultati

Lavori pubblici, altre strade nel programma di ammodernamento: questo mese interventi anche per via delle Grazie e via Naviganti