Legalità, il Comune di Pizzo adotta il Piano anticorruzione

La giunta comunale di Pizzo ha varato il Piano triennale anticorruzione, secondo quanto disposto dalla legge 190/2012 recante “Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità nella pubblica amministrazione”.
In questo modo, l'amministrazione Callipo ha dato immediato seguito alle disposizioni del prefetto Michele Di Bari, che recentemente, nell'ambito di un incontro con i rappresentanti dei Comuni vibonesi, aveva sollecitato l'adozione da parte degli enti locali di questo importante strumento finalizzato a scongiurare quei fenomeni che possono compromettere il buon andamento e l'imparzialità dell'attività amministrativa.
Il piano - elaborato dal segretario generale Domenico Scuglia, in qualità di responsabile della prevenzione della corruzione - recepisce e puntualizza gli obiettivi della normativa in vigore, mappando le attività dell'Ente a più elevato rischio di illegalità. Inoltre, individua funzioni, compiti e ruoli che per le loro caratteristiche possono essere più permeabili alla corruzione, predisponendo le contromisure necessarie.
In particolare, vengono ritenute attività sensibili tutti i procedimenti che riguardano il rilascio di autorizzazioni e permessi, la concessione di contributi e vantaggi economici di qualunque genere, la scelta dei contraenti per l’affidamento di lavori, servizi e forniture, nonché lo svolgimento di concorsi e prove selettive per l’assunzione di personale, collaboratori e consulenti.
Per contrastare i rischi, il piano prevede innanzitutto la "tracciatura" di tutti i processi decisionali. I singoli atti amministrativi, infatti, dovranno sempre essere motivati con precisione, chiarezza e completezza, indicando i presupposti di fatto e le ragioni giuridiche che hanno determinato la decisione dell'Amministrazione.

Bandito esplicitamente il "burocratese" dai documenti comunali, nei quali non dovranno essere usate abbreviazioni e sigle, se non quelle di uso più comune e dunque davvero comprensibili. Anche lo stile di scrittura degli atti dovrà adeguarsi alla massima chiarezza, con frasi brevi e uso corretto della punteggiatura.
Ai fini della massima trasparenza e dell’accessibilità totale agli atti dell’Amministrazione, per le attività a più elevato rischio, i provvedimenti finali dovranno essere assunti sempre in forma di determinazione dirigenziale o, nei casi previsti dall’ordinamento, di deliberazione, decreto o ordinanza, e dunque facilmente accessibili grazie alla pubblicazione sull'Albo pretorio online.
Infine, sono previste iniziative formative dirette ai dipendenti dell'Ente, affinché vengano a conoscenza delle disposizioni previste e possano conformare a queste la propria attività lavorativa.
Il piano, sebbene già pienamente operativo, sarà integrato in futuro con le linee guida che verranno emanate dalla Conferenza unificata, cioè l'organismo nazionale di coordinamento a cui partecipano Stato, Regioni e Autonomie locali.
Soddisfazione è stata espressa dal sindaco di Pizzo Gianluca Callipo, che ha sottolineato la celerità con cui il Comune ha agito.
«La trasparenza e la legalità rappresentano premesse d'azione irrinunciabili per questa Amministrazione - ha affermato Callipo -. L'adozione del Piano anticorruzione, attraverso la prevenzione e la mappatura dei rischi, consolida i nostri obiettivi di buon governo e rappresenta per i cittadini un'ulteriore garanzia di imparzialità e correttezza».


Commenti

Post popolari in questo blog

Pizzo si prepara al Natale, ecco gli eventi che animeranno la città napitina su iniziativa del Comune

Nuovi orari di apertura al pubblico degli uffici comunali di Pizzo per rendere più efficiente e celere la risposta dell'ente ai cittadini

Lavori pubblici, al via il completo riammodernamento della discesa San Sebastiano: 40mila euro per asfalto e infrastrutture di servizio