Edilizia residenziale, pubblicata la graduatoria provvisoria per le case Aterp e entro marzo anche il bando per gli alloggi comunali

È stata pubblicata sull'Albo pretorio online del Comune di Pizzo la graduatoria provvisoria degli assegnatari degli alloggi Aterp disponibili sul territorio napitino. I richiedenti ammessi in graduatoria sono 101, mentre 15 sono gli esclusi per ritardo nella presentazione della domanda o per limiti di reddito non conformi al bando. Tutti gli interessati hanno tempo fino al 6 aprile (30 giorni dalla pubblicazione) per presentare eventuale opposizione in carta semplice all'ufficio comunale dei servizi sociali, che provvederà alla valutazione del ricorso in base ai nuovi elementi segnalati e all'eventuale documentazione allegata.
È bene ricordare, però, che nell'assegnazione delle case Aterp, l'Amministrazione comunale ha esclusivamente un ruolo di intermediazione tra i cittadini interessati e l'azienda regionale di edilizia residenziale pubblica. Non decide, quindi, i criteri di assegnazione, né procede alla verifica extradocumentale degli stessi. Si limita, in altre parole, a emanare il bando su richiesta dell'Aterp e a svolgere l'iter per l'emanazione della graduatoria provvisoria, che una volta definitiva sarà trasmessa all'azienda regionale, a cui spetterà la valutazione finale e l'assegnazione vera e propria degli alloggi.
Diversa è la situazione per il bando comunale che verrà pubblicato entro la fine di marzo, per l'assegnazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica realizzati dal Comune nell'ambito del Contratto di quartiere. Si tratta di 25 alloggi, di 45 metri quadrati ciascuno, sorti grazie alla riqualificazione e conversione dell'immobile che un tempo ospitava l'istituto di Ragioneria. In questo caso, è Palazzo San Giorgio che ha stabilito i criteri di assegnazione, decidendo di destinare gli appartamenti a giovani coppie e anziani a basso reddito. I requisiti specifici, con il relativo punteggio conseguibile, saranno resi noti nei prossimi giorni, in vista della pubblicazione del bando comunale.
«Come già spiegato in passato anche dal sindaco Callipo - ha sottolineato l'assessore comunale alle Politiche sociali, Cristina Mazzei - abbiamo fatto una scelta precisa per dare precedenza nelle assegnazioni ai giovani e agli anziani che vivano particolari condizioni di disagio economico. In ogni caso, in considerazione della tipologia degli appartamenti, che misurano meno di 50 metri quadri, non potranno partecipare al bando nuclei familiari composti da più di tre persone».

Commenti

Post popolari in questo blog

Scuola, promosso a Pizzo un progetto di educazione allo sport che coinvolge gli alunnni di tutte classi sino alla quinta elementare

I dirigenti di Poste italiane incontrano Callipo e assicurano: «Basti ritardi nella consegna, ora le cose funzioneranno». Primi risultati

Lavori pubblici, altre strade nel programma di ammodernamento: questo mese interventi anche per via delle Grazie e via Naviganti