Integrazione europea, Pizzo si aggiudica il bando per l'istituzione di uno sportello informativo su tutto ciò che riguarda l'Unione

La città di Pizzo entra a far parte della nuova rete di centri d’informazione Europe direct, allestiti su iniziativa della Commissione europea per fornire ai cittadini della Ue informazioni sui diritti e sulle opportunità comunitarie.
È quanto comunicano l'assessore alle Politiche sociali, Cristina Mazzei, e il consigliere delegato alle Politiche comunitarie, Raffaele Pulitano, che rendono noto l'esito positivo dell'adesione da parte dell'Amministrazione Callipo al bando che finanzierà le attività previste da questa importante partnership.
In Italia, il network Europe direct è formato da 48 centri, presenti nelle maggiori città della Penisola. Da ogni singolo nodo di questa rete dipendono poi alcuni centri di informazione locale che consentono al network di ramificarsi meglio sul territorio italiano. A Pizzo, dunque, verrà allestita proprio una di queste sub-antenne calabresi, in collaborazione con l'associazione coordinatrice del progetto, l'Eurokom, che dal 2000 opera con diversi enti pubblici presenti sul territorio regionale, per la diffusione delle politiche e dei programmi dell’Unione europea, al fine di avvicinare sia gli Enti locali che i cittadini all’Europa, nonché promuovere l’utilizzo dei fondi strutturali.
«In altre parole - spiega Mazzei -, lo sportello Europe direct di Pizzo fornirà a chiunque ne abbia bisogno informazioni esaustive su ogni aspetto legato alla realtà comunitaria, aiutando concretamente i cittadini, le imprese e gli enti a vivere al meglio la dimensione europea, divulgando tempestivamente le opportunità offerte dalla Ue e offrendo assistenza per sfruttarle. Ma il vero valore aggiunto di questa iniziativa - continua l'assessore - sta nel fatto che il canale di comunicazione sarà bidirezionale, cioè lo sportello non si limiterà a fornire informazioni, ma potrà anche inoltrare le istanze dei cittadini agli organismi e all'autorità europee deputate a riceverle. Insomma, una vera e propria attività di tutoraggio che renderà l'Europa meno "lontana" e consentirà un concreto processo di integrazione nelle dinamiche civiche e legislative della Ue».
Molte, quindi, le domande che si potranno porre agli operatori dell'Europe direct, dai quesiti sulle norme che regolano la permanenza e la circolazione delle persone nei Paesi comunitari (permessi di soggiorno, tariffe di roaming, documenti necessari per risiedere stabilmente all'estero), a quelle che riguardano i diritti inalienabili, dalle informazioni sui bandi europei, alle procedure per accedere ai finanziamenti erogati a favore delle imprese.
Soddisfazione è stata espressa dal consigliere Raffaele Pulitano, il quale ha ricordato che il 2013 è anche l'Anno europeo dei cittadini, inaugurato il 10 gennaio a Dublino e istituito dalla Commissione europea in occasione del ventesimo anniversario della cittadinanza dell'Unione, introdotta dal trattato di Maastricht nel 1993.
«Non c'era modo migliore per onorare questo avvenimento - ha affermato Pulitano, che detiene la delega alle Politiche comunitarie -, contribuendo concretamente ad avvicinare le istituzioni europee alla nostra città e fornendo un servizio che si rivelerà molto prezioso per tutti coloro che vogliono sfruttare al meglio le possibilità offerte in campo comunitario, soprattutto in considerazione dell'attuale scarsità di risorse nazionali».

Commenti

Post popolari in questo blog

Scuola, promosso a Pizzo un progetto di educazione allo sport che coinvolge gli alunnni di tutte classi sino alla quinta elementare

I dirigenti di Poste italiane incontrano Callipo e assicurano: «Basti ritardi nella consegna, ora le cose funzioneranno». Primi risultati

Lavori pubblici, altre strade nel programma di ammodernamento: questo mese interventi anche per via delle Grazie e via Naviganti