Domani il comizio finale. Intanto cominciamo a ripristinare un po' di verità contro le bugie sparse a piene mani dai nostri avversari

Noi fili non ne abbiamo. Ma gli altri?
In vista del comizio finale che chiuderà la campagna elettorale (domani, venerdì 4 maggio, Piazza della Repubblica, ore 19.30), questa sera, insieme ai candidati della nostra lista - “Tocca a te” - incontrerò  i residenti dei quartieri Marinella (ore 18) e Pietà (ore 19.30).
Sarà una buona occasione per replicare ad alcune cose che sono state dette dagli avversari negli ultimi giorni e per anticipare alcuni i temi che verranno poi trattati in maniera più articolata e esaustiva durante la manifestazione di domani.  È sconcertante notare con quale disinvoltura i candidati delle liste concorrenti stiano cercando di prendere in giro i cittadini, usando contro di noi argomenti che, paradossalmente, rappresentano il loro principale limite. Dietro la nostra lista non c’è nessuno a muovere i fili. Gammo e Perri possono dire altrettanto? 

Dietro di noi c’è soltanto l’entusiasmo e la partecipazione dei tantissimi cittadini che ci hanno sostenuto sin dall’inizio. Inizio che, è bene ricordarlo, per noi risale a oltre sei mesi fa, a differenza delle altre liste approntate soltanto negli ultimi giorni utili alla presentazione. Noi non abbiamo alleati occulti ai quali dar conto, né ingombranti sponsor politici troppo screditati per farsi vedere in pubblico al fianco dei propri candidati.
La verità delle cose va ristabilita. I pizzitani non sono stupidi e i miei avversari farebbero bene a mostrare maggiore coerenza e lealtà. Il loro comportamento contraddittorio non fa che confermare che “Tocca a te” è l’unica alternativa valida per la città.
Eclatante, in questo senso, è lo spettacolo indecoroso che stanno offrendo Fernando Nicotra e Holmo Marino, rispettivamente sindaco e vice sindaco della disastrosa amministrazione che ha condotto il Comune al commissariamento. Sprezzanti del ridicolo, si presentano come il nuovo che avanza, confidando forse in un’amnesia generale dei pizzitani. Hanno avuto tutto il tempo per fare ciò che adesso dicono di volere realizzare se eletti, ma hanno già clamorosamente fallito, lasciando la città in ginocchio. Sono certo che i pizzitani non si faranno abbindolare dalle solite chiacchiere di chi non fa i conti con la propria incapacità amministrativa e intende la politica come mestiere e sicura fonte di reddito sulle spalle della collettività. 

Commenti

  1. Complimenti Gianluca per come stai portando avanti la campagna elettorale.
    In ogni incontro hai sempre trovato il tempo per soffermarti con i tuoi concittadini e con semplicità e concretezza ci hai illustrato il tuo programma elettorale segno dell'amore che hai verso il tuo paese.
    Sei un ragazzo in gamba e Pizzo merita un sindaco come te.
    In bocca al lupo a te e ai tuoi candidati.
    Con affetto e stima Adriano e Francesca.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Scuola, promosso a Pizzo un progetto di educazione allo sport che coinvolge gli alunnni di tutte classi sino alla quinta elementare

I dirigenti di Poste italiane incontrano Callipo e assicurano: «Basti ritardi nella consegna, ora le cose funzioneranno». Primi risultati

Lavori pubblici, altre strade nel programma di ammodernamento: questo mese interventi anche per via delle Grazie e via Naviganti