Unioni civili, il sindaco di Pizzo contro chi promette di non celebrare matrimoni gay: «Venite da noi, sarà un onore»

Un fotogramma del video "Pizzo, a kind of magic" presente su Youtube
«Le coppie gay che vogliono suggellare il proprio amore anche dinnanzi alla legge possono venire a Pizzo, per me sarà un onore indossare la fascia tricolore e applicare la nuova normativa in materia di unioni civili».
È un appello carico di significati quello lanciato dal sindaco di Pizzo, Gianluca Callipo, che risponde così indirettamente alle recenti prese di posizione di alcuni primi cittadini, che anche nel Vibonese hanno annunciato la loro intenzione di non voler celebrare mai "matrimoni" tra persone dello stesso sesso, nonostante la recente approvazione della nuova normativa.
«Trovo inconcepibile che nel 2016 si continui a opporre una resistenza ideologica e bigotta a quella che è semplicemente una questione di civiltà - continua Callipo -. Finalmente l'Italia ha fatto quel passo avanti che l'Europa, ma anche semplicemente il buonsenso, ci chiedeva da tempo. Nonostante ciò, c'è ancora chi cerca di ghettizzare gli orientamenti sessuali delle persone, relegandole in un'area di clandestinità giuridica e negando quella piena legittimità che oggi anche la legge italiana giustamente riconosce. Un sindaco che si rifiuta di applicare la legge, appellandosi strumentalmente all'obiezione di coscienza, nega il proprio ruolo di pubblico ufficiale. È qualcosa di assolutamente inconcepibile, perché giustifica indirettamente anche gli atteggiamenti più discriminatori e pericolosi. Mi chiedo cosa accadrebbe, ad esempio, se un sindaco con convinzioni razziste si rifiutasse di celebrare un matrimonio misto oppure tra due persone che hanno una fede religiosa diversa. Ovviamente un comportamento di questo tipo sarebbe stigmatizzato con forza e non troverebbe alcun tipo di giustificazione. Invece, complice anche il clima da campagna elettorale perenne, sulle unioni civili stiamo ascoltando dichiarazioni assurde senza che ci sia una reazione all'altezza. Ebbene, noi non la pensiamo affatto come i sindaci che si sono affrettati a prendere le distanze dalla nuova normativa. Chi vorrà scegliere la nostra città per coronare il suo progetto di vita sarà sempre il benvenuto».
Un atteggiamento di grande di apertura, che non rappresenta certo una novità per l'amministrazione Callipo, come dimostra il video di promozione territoriale, "A kind of magic", patrocinato dal Comune in occasione di Expo 2015. Un cortometraggio di grande suggestione, che oltre ad esaltare le bellezze paesaggistiche e architettoniche della città, ruotava intorno alla delicata storia di due ragazze che proprio a Pizzo si erano innamorate.


Commenti

Post popolari in questo blog

Scuola, promosso a Pizzo un progetto di educazione allo sport che coinvolge gli alunnni di tutte classi sino alla quinta elementare

I dirigenti di Poste italiane incontrano Callipo e assicurano: «Basti ritardi nella consegna, ora le cose funzioneranno». Primi risultati

Lavori pubblici, altre strade nel programma di ammodernamento: questo mese interventi anche per via delle Grazie e via Naviganti