Occupazione, Callipo esprime vicinanza alla protesta del lavoratori precari calabresi che domani sciopereranno in tutta la regione

«L'opera dei Lavoratori socialmente utili attualmente in organico è indispensabile per assicurare efficienza e puntualità dei servizi erogati dal Comune di Pizzo. Riavviare i processi di stabilizzazione a favore di questi lavoratori, quindi, non significa soltanto assecondare le legittime aspettative occupazionali di chi da troppo tempo vive una situazione di precariato, ma anche consentire ai Comuni e agli altri enti locali che usufruiscono della loro opera di funzionare».
Così il sindaco di Pizzo, Gianluca Callipo, ha espresso vicinanza alla mobilitazione regionale promossa da Cgil, Cisl e Uil a favore di Lsu, Lpu e precari storici, che domani sciopereranno per sollecitare maggiore attenzione verso le proprie istanze.
«Nel nostro Comune, da molti anni lavorano circa 50 Lsu, impiegati in tutti i settori dell'amministrazione - afferma Callipo -. Oggi sarebbe impensabile farne a meno senza subire gravi scompensi operativi. La Regione e il Governo nazionale devono prendere definitivamente atto di questo stato di cose e procedere gradualmente alla stabilizzazione di questi lavoratori ormai ultradecennali. Non ha senso continuare a tenere sulla corda migliaia di persone e le loro famiglie, quando le risorse per pagare i loro stipendi vengono comunque erogate di volta in volta. Meglio chiudere per sempre il vergognoso capitolo del precariato istituzionalizzato, sottraendo questi lavoratori al ricatto elettoralistico della peggiore politica e adottando soluzioni strutturali che possano permettere di voltare pagina una volta per tutte».

Commenti

Post popolari in questo blog

Carta d'identità elettronica, già operativo il rilascio per i cittadini di Pizzo che ne faranno richiesta

Al via la realizzazione nella Tonnara di uno spazio per i nomadi digitali e per il coworking

Finanze locali, il Comune di Pizzo all'avanguardia in Calabria diviene un esempio da seguire per centinaia di amministrazioni