Occupazione, Callipo esprime vicinanza alla protesta del lavoratori precari calabresi che domani sciopereranno in tutta la regione

«L'opera dei Lavoratori socialmente utili attualmente in organico è indispensabile per assicurare efficienza e puntualità dei servizi erogati dal Comune di Pizzo. Riavviare i processi di stabilizzazione a favore di questi lavoratori, quindi, non significa soltanto assecondare le legittime aspettative occupazionali di chi da troppo tempo vive una situazione di precariato, ma anche consentire ai Comuni e agli altri enti locali che usufruiscono della loro opera di funzionare».
Così il sindaco di Pizzo, Gianluca Callipo, ha espresso vicinanza alla mobilitazione regionale promossa da Cgil, Cisl e Uil a favore di Lsu, Lpu e precari storici, che domani sciopereranno per sollecitare maggiore attenzione verso le proprie istanze.
«Nel nostro Comune, da molti anni lavorano circa 50 Lsu, impiegati in tutti i settori dell'amministrazione - afferma Callipo -. Oggi sarebbe impensabile farne a meno senza subire gravi scompensi operativi. La Regione e il Governo nazionale devono prendere definitivamente atto di questo stato di cose e procedere gradualmente alla stabilizzazione di questi lavoratori ormai ultradecennali. Non ha senso continuare a tenere sulla corda migliaia di persone e le loro famiglie, quando le risorse per pagare i loro stipendi vengono comunque erogate di volta in volta. Meglio chiudere per sempre il vergognoso capitolo del precariato istituzionalizzato, sottraendo questi lavoratori al ricatto elettoralistico della peggiore politica e adottando soluzioni strutturali che possano permettere di voltare pagina una volta per tutte».

Commenti

Post popolari in questo blog

Nuovi orari di apertura al pubblico degli uffici comunali di Pizzo per rendere più efficiente e celere la risposta dell'ente ai cittadini

Carta d'identità elettronica, già operativo il rilascio per i cittadini di Pizzo che ne faranno richiesta

Ecco la mappa delle aree di sosta e le nuove tariffe per parcheggiare nelle strisce blu. Esentati i residenti del centro