Riqualificare il centro storico per salvaguardare l'identità di Pizzo e rilanciare le aspirazioni di sviluppo della nostra città

Palazzo Gagliardi, emblema della necessaria riqualificazione urbanistica
Una città che rinuncia alla sua identità architettonica è una città che perde la sua anima. Riqualificare il centro storico di Pizzo non significa soltanto sostenere il mercato immobiliare e il settore edile senza cedere altri spazi vitali alla speculazione, ma significa anche recuperare l’identità di un borgo carico di storia che può tornare ad essere il motore del commercio e del turismo locale.
Per raggiungere questo obiettivo, la prima cosa da fare è mettere paletti precisi con nuovo strumento urbanistico, il PSC, che impedisca ogni altro tentativo di cementificazione. Poi occorre puntare risorse ed energie progettuali per recuperare e ristrutturare gli antichi palazzi del centro storico, alcuni dei quali, forse i più belli perché sovrastano il mare, ormai fatiscenti e triste simbolo di un cambiamento che non arriva mai.
Protagonisti di questa nuova stagione ispirata al recupero e alla valorizzazione del patrimonio immobiliare esistente, possono essere i tanti giovani pizzitani - architetti, ingegneri e urbanisti - che si sono formati nella prospettiva di poter dare un giorno il proprio contributo professionale alla rinascita di Pizzo. Una vera e propria risorsa di idee e di competenze che attende soltanto un’occasione per essere messa alla prova.

Commenti

Post popolari in questo blog

Scuola, promosso a Pizzo un progetto di educazione allo sport che coinvolge gli alunnni di tutte classi sino alla quinta elementare

I dirigenti di Poste italiane incontrano Callipo e assicurano: «Basti ritardi nella consegna, ora le cose funzioneranno». Primi risultati

Lavori pubblici, altre strade nel programma di ammodernamento: questo mese interventi anche per via delle Grazie e via Naviganti