L'autonomia dell'Istituto Nautico non corre rischi

L'ingresso dell'Istituto Nautico di Pizzo
L’autonomia dell’istituto Nautico non è a rischio. Comprendo chi si preoccupa per il Nautico e apprezzo sinceramente la forza con cui la Città lo difende, perché è un fine che condivido personalmente senza riserve. Ma è bene ricordare che il piano di dimensionamento varato dalla Provincia punta proprio a salvaguardare l’autonomia di questo istituto, considerato giustamente un patrimonio di inestimabile valore formativo e didattico per tutto il Vibonese. La razionalizzazione e la contestuale riduzione delle autonomie scolastiche, imposta dalla legge e dai tagli della riforma Gelmini, è un adempimento al quale la Provincia non può sottrarsi, perché l’alternativa sarebbe il commissariamento del settore con conseguenze ben più nefaste. Nell’affrontare responsabilmente il problema, dunque, l’Amministrazione provinciale ha cercato di ridurre al minimo gli effetti negativi, individuando alcune priorità, tra cui la salvaguardia del Nautico. Un obiettivo che è stato pienamente raggiunto ma che ha comportato inevitabilmente un onere, sebbene irrisorio rispetto alla prospettiva di perdere l’autonomia scolastica, cioè lo scorporo della sezione commerciale dell’Istituto, che non comporta comunque alcun disagio disagi didattico.

Infine, in merito alle recenti osservazioni fatte dalla Regione, che ha invitato la Provincia a valutare l'ipotesi di rivedere rivedere alcune scelte fatte con il piano di dimensionamento, il presidente De Nisi e l’assessore Fera mi hanno assicurato che gli aggiustamenti non coinvolgeranno il Nautico di Pizzo, che non subirà contraccolpi proprio nella volontà dell’Amministrazione di tutelare le peculiarità formative dell’Istituto e la sua autonomia. Dal canto mio, in qualità di amministratore provinciale e finché svolgerò questo ruolo, continuerò a impegnarmi perché l’attenzione riservata all’Istituto napitino resti sempre alta e efficace.

Commenti

Post popolari in questo blog

Scuola, promosso a Pizzo un progetto di educazione allo sport che coinvolge gli alunnni di tutte classi sino alla quinta elementare

I dirigenti di Poste italiane incontrano Callipo e assicurano: «Basti ritardi nella consegna, ora le cose funzioneranno». Primi risultati

Lavori pubblici, altre strade nel programma di ammodernamento: questo mese interventi anche per via delle Grazie e via Naviganti