Stipulata la prima convezione che consente ai titolari del diritto di superficie di acquisire la proprietà della propria casa nella "167"

Diventare finalmente legittimi proprietari della propria casa. Grazie al regolamento approvato dal Consiglio comunale di Pizzo alla fine del 2016, oggi è possibile trasformare il diritto di superficie in diritto di proprietà per tutti coloro che hanno acquistato una casa nella cosiddetta "167". Una vicenda annosa, che risale ai molti anni fa, quando in questa zona a ridosso di Via Nazionale vennero realizzate molte palazzine in area Peep (piani di edilizia economica e popolare). Gli immobili, creati su terreni messi a disposizione dal Comune grazie alla convenzione stipulata allora con la cooperativa costruttrice, rimasero quindi formalmente di proprietà dell'Ente, mentre gli assegnatari degli alloggi divennero titolari del diritto di superficie che consentiva la fruizione degli appartamenti. Dopo un certo numero di anni, però, così come previsto dalle normative in materia, i residenti avrebbero potuto "riscattare" la propria casa, pagando un corrispettivo e acquisendone definitivamente la proprietà. Passaggio burocratico e amministrativo che non si è mai compiuto, lasciando molti cittadini nella paradossale situazione di possedere un immobile del quale, però, non potevano disporre pienamente da un punto di vista legale, come nel caso di atti di compravendita. A risolvere la questione è intervenuta a dicembre l'Amministrazione Callipo, che ha varato il nuovo schema di convenzione che consente, a chi è interessato, di diventare proprietario della propria casa.
Il primo accordo è stato stipulato qualche giorno fa, in seguito all'istanza presentata dal titolare del diritto di superficie di uno degli appartamenti in questione.
«Si tratta della soluzione definitiva di una vicenda che interessa molti cittadini - ha commentato con soddisfazione il sindaco di Pizzo, Gianluca Callipo -. Coloro che risiedono negli immobili Peep possono fare richiesta al Comune per diventare a tutti gli effetti proprietari della casa nella quale vivono ormai da decenni. In questo modo abbiamo eliminato gli ostacoli burocratici che impedivano a queste persone di disporre pienamente del proprio immobile, come ad esempio nel caso in cui ci fosse la necessità di offrire garanzie bancarie».
Una svolta per tante famiglie pizzitane, che attendevano da molto tempo questa soluzione.
«È l'ennesima conferma dell'impegno dispiegato da questa amministrazione in ogni direzione - conclude Callipo -, anche per risolvere problematiche che vengono da un lontano passato ma che troppo spesso sono state ignorate da chi ha amministrato la città prima di noi».

Commenti

Post popolari in questo blog

Scuola, promosso a Pizzo un progetto di educazione allo sport che coinvolge gli alunnni di tutte classi sino alla quinta elementare

I dirigenti di Poste italiane incontrano Callipo e assicurano: «Basti ritardi nella consegna, ora le cose funzioneranno». Primi risultati

Lavori pubblici, altre strade nel programma di ammodernamento: questo mese interventi anche per via delle Grazie e via Naviganti