Formazione, il Comune di Pizzo aderisce a due progetti per tirocini all'estero di neolaureati provenienti da Conservatori e Atenei

Pizzo diventa Comune capofila tra gli enti che aderiscono al Consorzio nazionale dei Conservatori del Mezzogiorno, costituito con lo scopo di offrire tirocini formativi all’estero ai giovani neolaureati. È questo l’esito della candidatura presentata dall’associazione “Giovani per l’Europa” di Nicotera (VV), nell’ambito del programma Ue “Erasmus Plus 2014-2020” e che conferisce al Comune di Pizzo (beneficiario di un contributo di 318mila euro) un certificato europeo, della durata di tre anni, per l’attuazione di programmi di mobilità all’estero. È quanto comunica l’assessore alle Politiche sociali, Cristina Mazzei, rendendo noto il risultato finale di una procedura avviata dall’Amministrazione comunale guidata dal sindaco, Gianluca Callipo, e dall’associazione nicoterese nello scorso mese di marzo. Il Comune di Pizzo sarà dunque l’ente capofila di un consorzio che comprende anche il Conservatorio di musica “F. Torrefranca” di Vibo Valentia, il Conservatorio statale “T. Schipa” di Lecce, il Conservatorio di musica “D. Cimarosa” di Avellino, il Conservatorio statale di musica “E. R. Duni” di Matera e il Conservatorio “V. Bellini” di Palermo.
«Nel corso dei tre anni di durata del progetto - spiega l’assessore Mazzei – promuoveremo tirocini e formazione all’estero per neolaureati provenienti dai Conservatori consorziati. Le attività di tirocinio saranno svolte presso istituzioni europee individuate in base alle specializzazioni e alle richieste dei partecipanti. Al comune di Pizzo, che non sosterrà alcun onere di spesa, spetteranno il monitoraggio generale e la gestione amministrativa e finanziaria delle risorse assegnate ai partner, in funzione delle attività svolte, nonché la diffusione del bando, la selezione dei partecipanti e la promozione dei risultati ottenuti attraverso iniziative pubbliche».
Sempre in ambito formativo internazionale, Mazzei rende noto che il Comune di Pizzo è il promotore, per la Regione Calabria, del Consorzio nazionale delle Università, anch’esso della durata di 3 anni, costituito per offrire tirocini formativi all’estero nel settore del turismo sociale. Si tratta del National Higher Education Consortium (Nhei), promosso dall’associazione “Mine vaganti Ngo In progress Calabria”, che prevede il coinvolgimento di 9 atenei italiani: l’Università degli Studi di Padova, l’Università Alma Mater Studiorium di Bologna, l’Università Tor Vergata di Roma, l’Università degli Studi di Sassari, l’Università degli Studi della Basilicata, l’Università della Calabria, l’Accademia di belle arti di Catanzaro, l’Università “Korè” di Enna e l’Università di Messina. Per l’anno accademico 2014-2015 il consorzio ha ottenuto 100 borse di studio, per un finanziamento totale di 171.500 euro, da utilizzare per programmi rivolti al turismo sociale da svolgere in diversi paesi europei: Regno Unito, Francia, Spagna, Repubblica Ceca, Lituania, Germania, Turchia, Romania e Grecia.
«Quello intrapreso dal Comune di Pizzo con la partecipazione ai due consorzi - ha aggiunto il sindaco Gianluca Callipo - è un percorso che punta a offrire nuove opportunità ai giovani laureati che, attraverso un periodo di studio all’estero, possono accrescere le proprie competenze con evidenti vantaggi sul piano formativo e della crescita personale».
Soddisfazione è stata espressa anche dal consigliere delegato alle Politiche comunitarie, Raffaele Pulitano, che ha rimarcato l'impegno del Comune nella ricerca e nella fruizione di nuove opportunità di studio e formazione per i giovani. «Questi due progetti - ha detto Pulitano - confermano una rotta che l'Amministrazione ha intrapreso da tempo, come dimostra anche l'attivazione sul territorio napitino di sportelli informativi destinati proprio alla divulgazione delle opportunità offerte dalla Ue».

Commenti

Post popolari in questo blog

Scuola, promosso a Pizzo un progetto di educazione allo sport che coinvolge gli alunnni di tutte classi sino alla quinta elementare

I dirigenti di Poste italiane incontrano Callipo e assicurano: «Basti ritardi nella consegna, ora le cose funzioneranno». Primi risultati

Lavori pubblici, altre strade nel programma di ammodernamento: questo mese interventi anche per via delle Grazie e via Naviganti